Forum ricco di news e tanti articoli interessanti.
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  GruppiGruppi  RegistrarsiRegistrarsi  Accedi  
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 
Rechercher Ricerca avanzata
Ultimi argomenti
» Laptop Brands
Gio Ago 04, 2011 12:02 am Da Ospite

» Blu-ray to iPad Ripper lift Blu bar DVD movies for iPad
Mer Ago 03, 2011 6:39 pm Da Ospite

» программы навигации
Mar Ago 02, 2011 11:59 am Da Ospite

» x-Hack hack you
Dom Lug 31, 2011 5:43 pm Da Ospite

» Shevchenko ruba per scherzo portafogli a giornalista
Mer Set 15, 2010 9:57 am Da Angelo

» Britney Spears si lava poco e puzza
Mer Set 15, 2010 9:53 am Da Angelo

» COCCOLA NEONATO MORTO: LUI TORNA ALLA VITA
Ven Ago 27, 2010 6:33 pm Da Angelo

» Troppo stress per la vittoria alla lotteria.Si suicida
Mer Ago 11, 2010 12:20 am Da Angelo

» Video a luci rosse a scuola per insegnare ai giovani il sesso appagante
Mer Ago 11, 2010 12:15 am Da Angelo

Migliori postatori
Angelo
 
Raffaele
 
fabiolino91
 
Davide
 
gerry91
 
KC
 
iopeppo
 
divo90
 
[°*Federica*°]
 
Mlep
 
Foto via webcam

Condividere | 
 

 Rock, satansimo, servizi segreti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Angelo
Admin


Messaggi : 300
Data d'iscrizione : 13.04.10
Età : 25
Località : Montoro Inferiore

MessaggioOggetto: Rock, satansimo, servizi segreti   Gio Apr 15, 2010 7:35 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]Lo scrittore qui accanto
e' con Jimi Hendrix nel famoso rito di bruciare la sua chitarra.
Il suo libro Rock & servizi segreti. Musicisti sotto tiro: da
Pete Seeger a Jimi Hendrix a Fabrizio De Andre'
e' edito da Bollati
Boringhieri.

L'articolo di Pino Corrias e' uscito Domenica 11 Aprile. Il titolo? La
Guerra Fredda contro il rock'n'roll
e contiene una disanima
completa su quello che Franzinelli ha scritto, allarga il raggio e
storicizzandolo. Ecco come viene presentato il libro dalla casa editrice
torinese...
L’esplosione del rock rappresenta negli anni sessanta un fenomeno
dirompente, che dischiude nuovi orizzonti ad ampi settori della
gioventù. La musica si contamina con la letteratura e la poesia,
sollecita cambiamenti nella società e interagisce con la politica,
modifica atteggiamenti e abbigliamenti, propugna il ripudio della guerra
e il superamento delle ingiustizie, funge da sorgente culturale e
fattore identitario. Negli Stati Uniti più che altrove il rock esprime
capacità di aggregazione e pertanto è guardato con sospetto e ostilità
dai governanti. Dalla nascita della New Left (1962) alla campagna per i
diritti civili, dalle rivolte urbane ai sit-in contro l’intervento
militare nel Vietnam (nel 1968 nella guerra sono coinvolti 536100
soldati americani), la musica diviene – grazie all’impegno di molti
artisti folk e band – linfa della controcultura e tassello creativo
della potenziale alternativa all’establishment; un fattore propulsivo
tanto più efficace in quanto i suoi messaggi trovano ascolto nelle
università, tra i futuri quadri della classe dirigente. I con certi nei
campus e la disseminazione dei festival (da Newport a Monterey, da Miami
a Woodstock) ne testimoniano il radicamento: dal giugno 1967 al luglio
1970 si svolgono negli Stati Uniti una trentina di grandi raduni, con
oltre due milioni e mezzo di presenze. Folk, rock e jazz contribuiscono
alla disgregazione delle convenzioni e alla costruzione di una coesione
all’insegna della protesta. All’inizio degli anni settanta un’indagine
sociologica nei college dimostra l’esistenza di un significativo
rapporto tra gusti musicali e orientamento politico.

Una parte delle nuove generazioni rifiuta i padri e sprigiona un
possente flusso di energia che fatica a individuare una direzione edi
volta in volta trova punti di riferimento in John Fitzgerald Kennedy o
in Malcolm X, in Martin Luther King o in Robert Kennedy (assassinati
l’uno dopo l’altro, tra il 1963 e il 1968) o guarda ad artisti
carismatici quali Jim Morrison, John Lennon, Jimi Hendrix... Il bisogno
di leader agevola il fenomeno delle rockstar, icone giovanili
gratificate da un imponente seguito di fan, sintomo di mercificazione
della musica e di sterilizzazione delle sue aspirazioni libertarie ed
egualitarie. La «cultura giovanile» contiene elementi di ambiguità: le
sue potenzialità di opposizione al sistema sono insidiate dai meccanismi
di cooptazione e dalla politica di mercato delle maggiori industrie
discografiche. Nel 1968-69 la Columbia lancia ad esempio una campagna
pubblicitaria che presenta come «rivoluzionari» i dischi di alcuni suoi
artisti, per imporli come divi e togliere spazio alle etichette minori e
a interpreti alternativi.

Il rapporto musica-società è segnato per una decina d’anni dalle
ripercussioni della guerra nel Vietnam, con un inedito protagonismo
giovanile ....Sono i vecchi a dichiarare le guerre, sono i giovani a
morire
, canta Phil Ochs. L’antimilitarismo è celebrato e
propagandato in una quantità di ballate, in contrapposizione alla
strategia governativa. Il pacifismo trova manifesti programmatici in
Where Have All the Flowers Gone e Blowin’ in the Wind, ben altrimenti
popolari rispetto a The Ballad of Green Berets, la più nota tra le
canzoni belliciste. Nel 1969 John Lennon compone Give Peace a Chance,
immediatamente accolto dal movimento antimilitarista come nuovo inno da
intonare nei sit-in.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
I leader yippie Abbie Hoffman e Jerry Rubin – che operano sinergicamente
con straordinarie capacità creative e comunicative – impostano le
mobilitazioni nei college in modo inventivo, con la collaborazione di
artisti quali Joan Baez, Country Joe McDonald, Phil Ochs... La musica è
insieme elemento di intrattenimento e strumento propagandistico,
alimenta la fantasia e indica il cammino da percorrere. Il sistema
percepisce gli scricchiolii provocati dalla contestazione e affida
all’fbi gli interventi di stabilizzazione, attraverso la combinazione di
operazioni segrete e di attacchi frontali. Il Federal Bureau of
Investigation, costituito nel 1908 in seno al dipartimento di Stato (suo
motto è la triade programmatica Fidelity, Bravery, Integrity, ovvero
Fedeltà, Coraggio, Integrità), ha giurisdizione su circa duecento
crimini federali; alla sede centrale di Washington fanno capo oltre
quattrocento agenzie negli Usa e una cinquantina all’estero....

Aprile 2010

_______________________________
L'amministratore del forum [Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Tornare in alto Andare in basso
http://cipensiamonoi.sosforum.net
 
Rock, satansimo, servizi segreti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Trucco per avere 700.000 euro su Euro Truck Simulator in un click - ETS2 +1
» Esperto Empires And Allies: link segreti

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Ci pensiamo noi :: Tempo libero :: News-
Andare verso: